Salta al contenuto
Questo sito potrebbe utilizzare anche cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Maggiori dettagli". Chiudendo questo banner e proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori dettagli

 

CHE COS'E' LA GUARDIA MEDICA ?

La continuità dell’assistenza ai cittadini, quando non lavora il proprio medico di famiglia, è assicurata dal servizio di Continuità assistenziale (l’ex Guardia medica).

Il servizio garantisce l’assistenza medica di base per situazioni che rivestono carattere di non differibilità, cioè per quei problemi sanitari per i quali non si può aspettare fino all’apertura dell’ambulatorio del proprio medico curante o pediatra di libera scelta.

Il servizio è attivo nelle ore notturne o nei giorni festivi e prefestivi.

 

 

QUANDO CHIAMARE LA GUARDIA MEDICA

Per problemi sanitari emersi di notte o nei giorni festivi e prefestivi, quando il proprio medico curante non è in servizio, e per i quali non si possa aspettare.

Il servizio è attivo:

di notte: dal lunedì alla domenica, dalle ore 20.00 alle ore 08.00

di giorno:

nei giorni prefestivi, dalle ore 10.00 alle ore 20.00

nei giorni festivi, dalle ore 08.00 alle ore 20.00

I medici di Continuità Assistenziale effettuano visite ambulatoriali a libero accesso presso le sedi di competenza nei giorni prefestivi e festivi dalle ore 15.00 alle ore 18.00

 

QUANDO NON CHIAMARE LA GUARDIA MEDICA

Per problemi di emergenza o di urgenza sanitaria (per i quali si contatta direttamente il Servizio di emergenza - urgenza 118). Per prescrizione di esami e visite specialistiche.

 

 

COSA PUO' FARE LA GUARDIA MEDICA

Il medico di continuità assistenziale può:

effettuare visite domiciliari non differibili

prescrivere farmaci indicati per terapie non differibili, o necessari alla prosecuzione

della terapia la cui interruzione potrebbe aggravare le condizioni della persona

rilasciare certificati di malattia in casi di stretta necessità e per un periodo massimo di tre giorni

proporre il ricovero in ospedale.

 

 

fonte: http://www.salute.gov.it