Questo sito potrebbe utilizzare anche cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Maggiori dettagli". Chiudendo questo banner e proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori dettagli

Macellazione degli animali

La macellazione degli animali è regolata da una serie di norme sanitarie ben definite al fine di garantire l'idoneità delle carni per l'alimentazione umana. Le operazioni si devono svolgere di regola in uno stabilimento autorizzato e quindi in possesso dei requisiti igienici necessari, anche nel caso di uso domestico privato e non commerciale delle carni, nel qual caso l'animale deve essere inviato al macello con la dichiarazione di impegno a non commercializzarne le carni.

Le specie animali che possono essere macellate in uno stabilimento riconosciuto ai sensi del Reg. (CE) 853/2004 sono varie, in particolare nel territorio di questa U.L.SS. sono  le seguenti:

  • ungulati domestici (bovini, equini, suini e ovicaprini);
  • pollame;
  • animali d'acquacoltura.

Le fasi di macellazione sono specifiche per le varie specie animali, e sono quindi caratterizzate da significative differenze.

Tutti gli animali destinati alla macellazione, all'arrivo al macello, vengono sottoposti a visita ante mortem da parte del Veterinario ufficiale al fine di accertare eventuali segni di compromissione del benessere oppure di zoonosi o malattie per le quali la legislazione vigente stabilisce norme di polizia sanitaria.

Per le specie suina e avicola la visita  può essere effettuata in allevamento, prima della spedizione al macello.

La macellazione degli animali non può aver luogo fino a quando il veterinario ufficiale non la autorizzi.

Il Veterinario ufficiale dopo aver controllato la corretta esecuzione delle fasi di stordimento e iugulazione effettua l'ispezione post mortem, un esame anatomopatologico condotto allo scopo di escludere dal consumo umano le carni non idonee e, a garanzia dell'avvenuto controllo con esito favorevole appone la "bollatura sanitaria".

 

 

La macellazione a domicilio è consentita, per l'esclusivo consumo in ambito familiare, per gli animali delle specie avicole e cunicole  (pollame e conigli) e, nei soli casi in cui sia autorizzata dal Comune del richiedente, per  gli ungulati domestici, intesi come gli animali della specie bovina, bufalina, equina, suina e ovi-caprina.