Questo sito potrebbe utilizzare anche cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Maggiori dettagli". Chiudendo questo banner e proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori dettagli

Gravide con gruppo sanguigno negativo

Prevenzione della malattia emolitica del neonato

Le donne in gravidanza possono sviluppare una risposta immunitaria (cioè produrre anticorpi) contro i globuli rossi del feto, che l'organismo materno identifica come estranei perché diversi dai propri. Gli anticorpi materni sono in grado di distruggere i globuli rossi del feto; la possibile conseguenza è un'anemia, nota come malattia emolitica del feto e del neonato, che in qualche caso può risultare anche particolarmente grave.

Il caso relativamente più frequente riguarda il fattore Rh e si verifica quando il gruppo sanguigno della madre è Rh negativo, quello del padre è Rh positivo ed il feto è Rh positivo: in questo caso l'organismo materno può sviluppare anticorpi, chiamati anti-D.

La prevenzione della malattia emolitica del neonato si basa sull'immunoprofilassi anti-D.

Consiste nella somministrazione intramuscolare di immunoglobuline umane anti-D, alle donne Rh negative, al fine di impedire la formazione di anticorpi materni contro i globuli rossi del bambino.

E' raccomandata in occasioni di rischio di contatto fra sangue del feto e sistema immunitario della mamma: entro 72 ore dal parto di un neonato Rh positivo; in caso d'aborto e di procedure "invasive" durante la gravidanza (amniocentesi, villocentesi o funicolocentesi).

E' prudente eseguirla anche in caso di minaccia d'aborto, perdite di sangue, traumi addominali o procedure ostetriche, come il rivolgimento nella presentazione podalica.

E' consigliata inoltre a tutte le gravide Rh negative dalla 28° alla 30° settimana per ridurre il rischio d' immunizzazione nel terzo trimestre, indipendentemente dalle situazioni precedenti.

La profilassi previene la quasi totalità delle immunizzazioni e non sono conosciuti effetti dannosi della stessa sul decorso della gravidanza, sul feto e sul neonato.

L'immunoprofilassi nelle occasioni di rischio ti sarà proposta direttamente in ospedale.

L'esecuzione dell'immunoprofilassi anti-D alla 28°-30° settimana, viene eseguita nel Poliambulatorio dell'Ospedale di Santorso e va prenotata al CUP, con impegnativa del Curante.

 

Il tuo medico e il tuo ginecologo ti potranno fornire ulteriori chiarimenti.