Salta al contenuto
Questo sito potrebbe utilizzare anche cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Maggiori dettagli". Chiudendo questo banner e proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori dettagli

 

Urologia  

Ospedale di Santorso

 

Cosa facciamo

L’Urologia si occupa delle malattie dell’apparato urinario maschile e femminile (surrene, rene, uretere, vescica, uretra) e delle malattie dell’apparato genitale maschile (prostata, testicoli, pene).

Problemi urologici di frequente riscontro sono le infezioni urinarie, le malformazioni (fimosi, varicocele, testicolo ritenuto, pene curvo), la calcolosi (renale, ureterale, vescicale), l’ostruzione urinaria da ingrandimento prostatico, l’incontinenza urinaria maschile e femminile, i prolassi vaginali, i traumi, i  tumori (renali, surrenali, vescicali, prostatici, testicolari).

L’esame ambulatoriale più richiesto in urologia è la cistoscopia, che consiste nel “vedere” l’interno della vescica (paragonabile alla gastroscopia o colonscopia). Essendo un esame delicato, a rischio di infezione e doloroso, deve trovare una corretta indicazione formulata dall’urologo.

L’Andrologia, branca dell’Urologia che si occupa della funzione sessuale e riproduttiva maschile, fa parte delle nostre attività, sia a livello diagnostico (ecografie ed esame Doppler dei genitali esterni) sia terapeutico (terapia della disfunzione erettile, chirurgia mini-invasiva del varicocele, chirurgia del pene, chirurgia dei testicoli).

Interveniamo in regime di ricovero ordinario, ma anche con ricovero breve (da poche ore ad una notte di degenza) e con prestazioni ambulatoriali.

Nella nostra Unità Operativa sono di utilizzo abituale le tecniche più attuali di Chirurgia mini-invasiva (chirurgia laparoscopica, chirurgia laser, chirurgia endoscopica della prostata, della calcolosi renale ed ureterale, litotrissia extracorporea dei calcoli renali, chirurgia mini-invasiva dell’incontinenza urinaria maschile e femminile…).

 

 


Dove siamo

Ospedale di Santorso:

Degenze: scala D, piano 3

Degenze Week-Day Surgery Polivalente: scala C, piano 3

Attività endoscopica ed ambulatoriale: scala B, piano 0, direzione POLO ENDOSCOPICO

Servizio Pre Ricovero: scala D, piano 3

Segreteria Dipartimento di Chirurgia: scala D, piano 3

 

Come contattarci

Segreteria Polo Endoscopico

0445 571224 ore 8.00 - 17.00 dal lunedì al venerdì

fax 0445 571230

e-mail endsosa@aulss7.veneto.it

 

Segreteria del Dipartimento di Chirurgia

0445 571801 ore 9.00 - 14.00 dal lunedì al venerdì

fax 0445 571834

e-mail segdipchi@aulss7.veneto.it

 

 

NOTE SULLA PRIVACY

È fatto esplicito divieto a pazienti e familiari di fotografare o riprendere in video persone/ambienti all’interno della struttura senza aver chiesto e ottenuto preventiva autorizzazione dalla Direzione Medica e liberatoria dai soggetti interessati.

A tutela della privacy dei pazienti e dei loro familiari non verrà fornita alcuna informazione personale per via telefonica.

 

Orario di visita ai degenti

Tutti i giorni dalle 15.00 alle 21.00, al massimo due persone in stanza per ogni ricoverato.
N.B. Per evitare spiacevoli rifiuti all’ingresso del reparto è opportuno rispettare scrupolosamente gli orari di visita.

 

 

 

Devo fare una visita

Portare con sé tutta la documentazione clinica recente e la lista aggiornata dei farmaci assunti (segnalando eventuali intolleranze o allergie a farmaci o cibi).

Devo essere ricoverato

Per il ricovero portare con sé un abbigliamento comodo, l’occorrente per l’igiene personale e calzature antiscivolo.

Portare inoltre un documento d’identità, la tessera sanitaria e tutta la documentazione clinica in proprio possesso , farmaci assunti a domicilio (anche se si tratti di lassativi, antidolorifici o sciroppi per la tosse) e l’elenco delle eventuali intolleranze/allergie a farmaci o cibi.

Si consiglia di non tenere in ospedale gioielli, oggetti di valore e grosse somme di denaro.

Cosa posso fare a casa

Al termine del ricovero è opportuno leggere la lettera di dimissione nella quale sono indicate la diagnosi, le indagini diagnostiche eseguite, e l'eventuale terapia o ulteriori indagini diagnostiche da eseguire in regime di post-ricovero oppure a distanza di tempo. Tornati a casa è buona norma recarsi dal medico di medicina generale e mostrargli la lettera di dimissione.