Salta al contenuto
Questo sito potrebbe utilizzare anche cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Maggiori dettagli". Chiudendo questo banner e proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori dettagli

 

Radiologia

Ospedale di Bassano del Grappa

Cosa facciamo

L'equipe dell'Unità Operativa Complessa di Radiologia si occupa sia di attività diagnostica che terapeutica (Radiologia Interventistica). 
I campi di applicazione dell'attività diagnostica sono a carico di tutti i sistemi e apparati dell'organismo umano, del Sistema Nervoso Centrale, dell'Apparato Locomotore di adulti e bambini, mentre i campi di applicazione della Radiologia Interventistica affrontano le problematiche riguardanti tutti i distretti extra-cranici.

L'unità operativa di Radiologia è all'avanguardia in diversi settori quali:

  • Studio senologico completo, con stereotassi delle lesioni sospette.
  • Ecografia delle anche nei neonati (Screening della displasia).
  • Ecografia con mezzo di contrasto (CEUS) per gli organi, rene, fegato, milza, pancreas, testicolo, tiroide e tessuti molli.
  • Ecografia intra-operatoria, anche con mezzo di contrasto.
  • Colonscopia virtuale (Colon-TC).
  • Ago-aspirati e biopsie (Eco e TC guidate) di strutture ed organi superficiali e profondi.
  • Studio della prostata con RM multi-parametrica per l’identificazione del tumore alla prostata e tecnica fusion per l’esecuzione di biopsie mirate di piccole neoformazioni in collaborazione con gli Urologi.
  • Posizionamento di drenaggi (Eco e TC guidati).
  • Radiologia interventistica intra (TACE) ed extra vascolare del fegato.
  • Trattamento endovascolare della patologia aneurismatica e steno-occlusiva vascolare.
  • Terapia ablativa percutanea dei tumori, primitivi e secondari, del rene e del fegato.

L'equipe di Radiologia lavora in stretta collaborazione con i servizi di anatomia patologica, cardiologia, chirurgia generale, chirurgia vascolare, gastro-enterologia, medicina interna, oncologia e urologia, al fine di garantire un approccio multidisciplinare che velocizzi sia la fase diagnostica sia quella di trattamento della patologia.

Dal 2015 è inoltre attiva, all'ospedale San Bassiano, la Scuola di ecografia di base della SIUMB, aperta a Medici di tutto il territorio italiano, con attività didattica che prevede lezioni frontali per l’introduzione all’ecografia e sedute pratiche, al fine di permettere l'acquisizione delle nozioni fondamentali di tecnica, anatomia, metodologia e semeiotica ecografica e di mettere personalmente in pratica quanto appreso.

L'unità operativa svolge anche attività di ricerca in collaborazione con la Scuola di Specialità in Radiologia dell'Università degli Studi di Verona e partecipa attivamente in programmi di ricerca con sezioni di studio di SIRM - Società Italiana di Radiologia Medica.

 


Dove siamo

Ospedale di Bassano del Grappa:
Radiologia: piano terra lato sud

Ospedale di Asiago:
Radiologia: piano terra

Centro Socio Sanitario Prospero Alpino Marostica
Radiologia: piano sotterraneo

Come contattarci

Ospedale di Bassano del Grappa:
Segreteria
0424 888850 ore 8.30 - 10.30 dal lunedì al venerdì 

Accesso alla Segreteria
ore 7.30 - 19.30 dal lunedì al sabato 

NOTE SULLA PRIVACY

È fatto esplicito divieto a pazienti e familiari di fotografare o riprendere in video persone/ambienti all’interno della struttura senza aver chiesto e ottenuto preventiva autorizzazione dalla Direzione Medica e liberatoria dai soggetti interessati.

A tutela della privacy dei pazienti e dei loro familiari non verrà fornita alcuna informazione personale per via telefonica.

 


Devo fare una visita

Numerosi esami radiologici, per essere eseguiti correttamente, hanno bisogno di preparazione. Il digiuno è la preparazione più comune e più richiesta: va iniziato alla mezzanotte del giorno in cui si esegue l'esame. Tutti gli esami del tubo digerente, del fegato, dei reni e le ecografie in ambito addominale richiedono il digiuno. 
Molti esami, inoltre, richiedono anche una buona pulizia intestinale; perciò al paziente si domanda di sostenere una dieta di preparazione e di evacuare l'intestino ricorrendo a purganti o a clisteri, secondo criteri che vi verranno indicati al momento della prenotazione dell'esame. Ricordate che una perfetta pulizia intestinale rende molto più semplice la lettura delle radiografie: i residui intestinali possono produrre ombre anomale o, più frequentemente, possono mascherare rilievi importanti. 
L'esempio più frequente è quello dei calcoli renali o biliari non riconosciuti perché nascosti da residui intestinali.
È importante sapere che le indagini radiologiche con iniezione endovenosa di mezzo di contrasto e quelle di risonanza magnetica necessitano della compilazione da parte del medico curante di appositi moduli che verranno consegnati allo sportello al momento della prenotazione. 
Inoltre, per esami che comportano qualche forma di rischio (ad esempio biopsie), il paziente sarà opportunamente informato dal medico curante e gli verrà richiesto il consenso all’esecuzione dell’indagine.

Sono in attesa di un bimbo

Se siete in questa condizione, datene immediato avviso al Tecnico o al Medico radiologo prima di eseguire l'esame.
Le radiazioni X, infatti, sono dannose per il prodotto del concepimento, specie nelle prime settimane di sviluppo.
Perciò, nei primi tre mesi di gravidanza deve essere bandito ogni esame radiologico, soprattutto se viene esposta la regione addominale. 
Dopo il terzo mese, alcuni esami radiologici possono venire eseguiti, purché si rispettino strettamente alcune condizioni di protezione. Se siete in età fertile e non avete la certezza di non essere in gravidanza, parlatene con il medico. Si potrà rinviare l'indagine radiologica a quando sarete sicure di non essere in gravidanza, oppure si potrà applicare la regola dei "dieci giorni". 
Questa regola permette di eseguire gli esami radiologici nei 10 giorni immediatamente successivi all'inizio del ciclo mestruale, basandosi sul presupposto che, in questi giorni, una donna con ciclo mestruale normale non dovrebbe essere incinta.

staff

Direttore
dr. Alessandro Guarise

Medici
dr.ssa Elena Beccegato
dr.ssa Silvana Bedont
dr.ssa Elena Bergamin
dr. Stefano Canestrini
dr. Andrea Casarin
dr. Calogero Cicero
dr. Giorgio De Giorgio
dr. Roberto Deganello
dr.ssa Maria Lia Farina
dr. Paolo Fiorese
dr. Stefano Loi
dr. Andrea Marzio
dr.ssa Dilhani Nicasi
dr.ssa Daniela Poli
dr.ssa Chiara Rebellato
dr.ssa Stefania Rossi
dr.ssa Ana Susac
dr. Ermanno Toniolli
dr. Riccardo Zanato
dr. Fabio Zerbo

Coordinatori

dott. Luca Bortoli
dott. Devis Lando
dott. Giovanni Signorini

Documenti